Le uniche migrazioni accettabili

Le uniche migrazioni accettabili? Quelle indoeuropee dell’era dei metalli. E va bene, va bene, facciamo fino ai Longobardi, ma perché sono di manica larga…

In un’epoca in cui siamo sommersi da immigrati provenienti da ogni dove, occorre riscoprire le più intime radici della nostra identità etnica e culturale, che parlano indoeuropeo. Noi siamo figli delle antichissime migrazioni di popoli arii dalle steppe eurasiatiche occidentali, unitisi agli indigeni europei, i cacciatori-raccoglitori del Mesolitico, e agli agricoltori del Neolitico provenienti, in parte, dal Vicino Oriente, e nulla abbiamo a che vedere con genti di altri continenti; abbiamo un tenue legame con gli altri caucasoidi, ma l’Europa è l’area geneticamente più omogenea del globo ed è dunque un panorama a sé stante dal punto di vista biologico ed etno-razziale. Anche l’antropologia fisica e la genetica ci insegnano l’amore per l’identitarismo, ed è sacrosanto difendere la propria identità, pure antro-genetica, dagli assalti del meticciato, dell’immigrazionismo di massa, dell’antirazzismo e dell’antifascismo con la loro vulgata mondialista. Scherzosamente, sopra, ho citato i Longobardi, scherzosamente perché anch’essi fanno parte di quelle migrazioni “identitarie” che costituiscono il nostro patrimonio etno-culturale, ed è dunque pacifico che vadano ricordati; pensando a noi Lombardi, dobbiamo proprio ai Longobardi l’ultimo apporto identitario alle nostre genti, perciò l’ultima migrazione accettabile è la loro. Le altre, quelle contemporanee, riguardano individui allogeni che non hanno legame diretto con noialtri, a meno che si parli di altri popoli europei; in ogni caso sono migrazioni problematiche, anche perché spesso intrecciate con la criminalità.

Annunci

Informazioni su Paolo Sizzi

Lombardo, Italiano, Europeo per Sangue, Suolo, Spirito.
Questa voce è stata pubblicata in Paolo Sizzi, Stati. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...