Ah no scusate, errore mio

A quando un ciclo di film sullo sterminio di Pellirosse e Palestinesi? Ah no, non sono Ebrei. Scusate, errore mio

Come sapete l’Olocausto è diventato anche un genere cinematografico, e il cielo sa quanto Hollywood e affini ci martellino con questi film, per indurre un perenne senso di colpa negli Europei, soprattutto nei Tedeschi, ovviamente. Mi verrebbe da chiedere perché non vi siano cicli di film anche su altri eventi luttuosi della storia, quali il genocidio dei Greci, degli Armeni, dei Pellirosse, degli Arabi di Palestina, degli infoibati italiani, ma si tratterebbe di domanda retorica. Non credo sia antisemitismo affermare che gli Ebrei, anche in questo, abbiano una corsia privilegiata e monopolizzino il cinema storico-drammatico; si tratta di politica, e a Hollywood lo sanno bene, anche perché la Shoah viene strumentalizzata per promuovere il sionismo e giustificare in tutto e per tutto l’esistenza di Israele. Le vicissitudini storiche di altri popoli non interessano, perciò non vi sono cicli di film su quanto hanno subito, per colpa di Israele, gli Arabi o sul genocidio degli Indiani d’America, che anzi, per giunta, sono rappresentati come i cattivi contro i buoni (gli yankee). Non possiamo negare le peripezie storiche dei Giudei, ma se i perseguitati e i morti non hanno davvero colore sarebbe il caso di fare maggior luce anche sulle tragedie di altri popoli, ancorché meno facoltosi o estranei al mondo occidentale.

Annunci

Informazioni su Paolo Sizzi

Lombardo, Italiano, Europeo per Sangue, Suolo, Spirito.
Questa voce è stata pubblicata in Paolo Sizzi, Stati. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...