11 maggio (1395): la costituzione del Ducato di Milano (festa del Ducale visconteo)

Ducale insubrico

L’11 maggio 1395 è la data della costituzione del Ducato di Milano, quando cioè Gian Galeazzo Visconti, già vicario imperiale e signore della capitale lombarda, ottenne il titolo di Duca di Milano mediante diploma imperiale di Venceslao di Lussemburgo (la celebrazione ufficiale della nomina risale al 5 settembre dello stesso anno, quando venne ratificata). In questa occasione, il Visconti acquisì il diritto di inquartare il Biscione visconteo con l’Aquila imperiale, nella nuova bandiera ducale. Cosicché l’11 maggio può tranquillamente essere la festa del Ducale visconteo, vessillo insubrico ed emblema grande-lombardo. La descrizione araldica dello stemma del Ducato di Milano è la seguente: “inquartato, nel primo e nel quarto, d’oro all’aquila abbassata di nero, lampassata di rosso e coronata del campo; nel secondo e nel terzo, d’argento alla biscia d’azzurro ondeggiante in palo e coronata d’oro, ingolante un moro di carnagione”. Gli Sforza mantennero il Biscione visconteo, in quanto vanto di antica signoria e riconferma del ruolo di signori di Milano, volendo dimostrare di essere i legittimi successori dei Visconti. L’emblema dell’Aquila venne mantenuto come pegno di fedeltà degli Sforza all’imperatore del Sacro Romano Impero.

L’origine del Biscione è dibattuta, ma probabilmente è il risultato della fusione di due elementi: il primo è la vipera d’oro (o azzurra) adorata dai Longobardi, da essi portata come monile al collo (o appesa agli alberi sacri, come il famoso noce di Benevento), mentre il secondo sarebbe il simbolo di un Moro sconfitto da Ottone Visconti in Terra Santa, durante la seconda Crociata, consistente in un serpente che divora un uomo. In quest’ultimo caso, appropriandosi dell’emblema moresco e mutandone il significato, il Visconti mise in bocca al serpente (o drago) il Moro, simboleggiando così la propria vittoria. Va citata anche una leggenda secondo cui il Biscione deriverebbe dal mitico drago Tarantasio, ucciso dal capostipite dei Visconti, bestia abitante lo scomparso Lago Gerundo, che terrorizzava il Milanese divorando bambini. Probabilmente questa leggenda si incrocia con quelle di altri draghi acquatici padani o del basilisco, re dei serpenti dal letale sguardo presente nel folclore lombardo, come in quello europeo. L’Aquila imperiale, invece, è il simbolo degli imperatori germanici, mutuato dall’antica Roma imperiale, nello specifico dalle legioni romane che sfoggiavano l’aquila come simbolo di Giove e della sua potenza. Tale animale sacro passò da Roma a Carlo Magno e, in seguito, al Sacro Romano Impero.

Annunci

Informazioni su Paolo Sizzi

Lombardo, Italiano, Europeo per Sangue, Suolo, Spirito.
Questa voce è stata pubblicata in Calendario Identitario, Sursum crania. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...