6 maggio (2011): la nascita del Movimento Nazionalista Lombardo

Il MNL

Il 6 maggio è la data astronomica intermedia tra l’equinozio di primavera e il solstizio d’estate, che è quanto celebravano, ad esempio, i Celti con Beltane (Calendimaggio), festività che tradizionalmente cade il primo giorno del mese. Beltane si colloca all’opposto di Samonios, nel calendario astronomico, e mentre quest’ultimo è celebrazione incentrata sull’autunno, le tenebre, il mondo dei morti, il freddo che avanza, il riposo della terra, il primo è la festa della gioia, della luce, del fuoco, della fertilità, dunque della vita, in un momento dell’anno in cui le giornate si allungano a scapito della notte e la natura rifiorisce grazie al risveglio della primavera (e, di conseguenza, riprendono a pieno regime le attività agresti, grazie alle belle giornate). Per via della valenza sacrale, e astronomica soprattutto, ricoperta dal 6 di maggio, nell’anno 2011 nasceva, presso i boschi sepriesi della Froda (alto Varesotto), il Movimento Nazionalista Lombardo, soggetto fondato da Adalbert Roncari e Paolo Sizzi, e confluito successivamente in Grande Lombardia. Nasceva come laboratorio di idee etnonazionaliste a partire dal Lombardesimo delineato dall’umanista orobico Sizzi nel biennio 2009-2010, e poi corroborato dall’esperienza scientifica dell’economista alto-insubrico Roncari.

Il MNL, seppur da un punto di vista allora indipendentista (per quanto la questione fosse sempre stata secondaria), delineò il nucleo fondante e fondamentale della Weltanschauung dei Lombardisti: l’etnonazionalismo völkisch e il comunitarismo, grazie a cui è stato definito il concetto di Lombardia etnica, di Grande Lombardia e di una federazione italica da costruirsi su base etno-culturale, nel pieno rispetto delle peculiarità (gran)lombarde e di quello che potremmo chiamare etno-razionalismo: non fumose astrazioni ma schietta e genuina natura di sangue e suolo (e cultura che li anima, chiaramente), su cui si innerva la ragion d’essere di una piccola Patria alpino-padana caratterizzata da tutta una serie di aspetti che la distinguono dall’Italia peninsulare. E naturalmente il discorso si allarga fino ad abbracciare l’intero continente europeo. La battaglia oggi viene portata avanti da Grande Lombardia, ove tematiche di primaria importanza sono la difesa etno-culturale dei Lombardi, la salvaguardia del loro territorio, la promozione dell’etno-federalismo e del comunitarismo (emanazione etnicista del socialismo nazionale), l’aspra critica contro il semitismo culturale delle religioni abramitiche, l’orgoglio di appartenere alla grande famiglia indogermanica e la lotta contro ogni veleno mondialista, progressista, capitalista, nonché contro l’arido materialismo occidentale.

Dal Monviso al Nevoso, dal Gottardo al Cimone. Saluu Lombardia!

Annunci

Informazioni su Paolo Sizzi

Lombardo, Italiano, Europeo per Sangue, Suolo, Spirito.
Questa voce è stata pubblicata in Calendario Identitario, Sursum crania. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...