30 aprile – 1 maggio: la Notte di Valpurga

La Notte di Valpurga

La notte tra il 30 di aprile e il primo di maggio nei Paesi germanici è nota come Notte di Valpurga (dal nome di una santa anglosassone attiva in Germania) e riveste l’aspetto di una festa di celebrazione primaverile. In tale data, la leggenda mitteleuropea vuole che streghe e demoni si radunassero sul monte Blocksberg (montagne dell’Harz) per danzare in onore della luna, in un vero e proprio sabba (che in Ticino viene indicato col termine barlott). Per scacciare queste forze perverse e demoniache, i giovani contadini si radunavano sulle alture accendendo falò, ove venivano gettate ruote solari in legno, danzandovi intorno ed intonando allegri canti, con tanto di ghirlande floreali appese ai rami di alberi ritenuti sacri dalla saggezza popolare di schietto sapore pagano. Erano celebrazioni rituali dell’amore, della fecondità, del calore gioioso e purificatore del fuoco e del sole primaverile, che spesso finivano in un gran baccano con orge e conseguente condanna clericale medievale. Col chiasso, il fuoco, il rifiorire della natura e la gaiezza si combatteva questa caccia alle streghe (intese come potenza maligna), in una battaglia che termina sempre con la vittoria della primavera, ossia delle forze benigne.

In queste usanze confluiscono antichi rituali celtici e germanici tipici dell’Europa centrosettentrionale, ma influssi di tale tipo possono trovarsi anche in Italia e in particolar modo lungo l’arco alpino, dove si incrociano coi riti di celebrazione della primavera caratteristici dei primi giorni di maggio (Beltane, Calendimaggio, i Floralia romani!). Tema ricorrente è quello dell’albero sacro, “magico”, che ritorna nel palo della cuccagna o albero di maggio, simbolo di fecondità e prosperità a sua volta connesso con l’albero cosmico di Gòdan. Ed è qui che, per chiudere, entrano in scena le streghe di Benevento, frutto leggendario della fusione tra i riti antichi italico-romani dei Sanniti e quelli germanici dei guerrieri Longobardi fedeli di Wotan-Odino, che danzavano attorno al noce magico in ricordo di riti orgiastici pagani perdutisi nel tempo, logicamente demonizzati dalla Chiesa, capovolgendo del tutto il significato di cerimonie dal valore benigno e testimonianza della solarità del credo dei nostri arii padri. Insomma, la gioia di vivere simboleggiata dalla solarità ariana dell’amore, dell’energia e anche della guerra (maggio era mese germanico e medievale di campagne militari) che si contrappone ed esce vittoriosa nello scontro con le tenebre lunari e ctonie delle ideologie dal fortore mediorientale.

Annunci

Informazioni su Paolo Sizzi

Lombardo, Italiano, Europeo per Sangue, Suolo, Spirito.
Questa voce è stata pubblicata in Calendario Identitario, Sursum crania. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...