Integrare è distruggere l’identità di tutti

Il peggior immigrato? Quello integrato

Al di là della criminalità o del terrorismo, la peggior forma di immigrazione è quella che si conclude con l’integrazione, poiché conduce all’assimilazione da parte della comunità indigena di individui estranei al proprio sangue e al proprio suolo, con tutte le ricadute del caso. L’immigrazione di massa, ed esotica, è sempre sbagliata perché comporta la distruzione del tessuto etnico, sociale e culturale originale di un territorio costretto ad accogliere, e quando questo perde la propria identità perde sé stesso. E ciò a chi giova? Ovviamente ai parassiti e a tutti gli altri nemici di identitarismo e tradizionalismo, ossia agli agenti del mondialismo. L’immigrato integrato è pericoloso perché si trasforma, inevitabilmente, in un grimaldello atto a scardinare il comunitarismo, su cui si regge una collettività sana, forte e sovrana. E, inoltre, comporta anche la perdita dell’integrità biologica, antro-genetica, del popolo autoctono, che così si rende maggiormente vulnerabile agli assalti della globalizzazione, fenomeno apolide e sradicatore. Con questo non si vuole affermare che, dunque, l’immigrato “migliore” è il clandestino o, peggio, il delinquente, bensì che l’immigrazione è un fenomeno pernicioso, e che integrare significa distruggere, distruggere l’identità di tutti a vantaggio di una brodaglia multiculturale e multirazziale, condita con un civismo artificiale e finto-patriottico, che si fa cavallo di Troia del globalismo e della rapacità capitalistica.

Annunci

Informazioni su Paolo Sizzi

Lombardo, Italiano, Europeo per Sangue, Suolo, Spirito.
Questa voce è stata pubblicata in Paolo Sizzi, Stati. Contrassegna il permalink.

Una risposta a Integrare è distruggere l’identità di tutti

  1. Ma io dovrei esserti gratissima, perché nel momento in cui sulla Civiltà Cattolica sbausciano che l’ identità NON sta nei geni ancestrali, la Dea Brigid dei Celti ti manda per esorcizzare le loro cagate atomiche: sperando che prima o poi i cretini cattolici capiscano che lupi vestiti da pecore hanno in casa.

    Don Raffaele De’ Caetani durante il rogo di Nostre Dame mi ha detto: ” Quersto capita perché sul trono del Papa ci sta una massa di Demoni e un Antipapa.”

    https://www.laciviltacattolica.it/articolo/verso-le-elezioni-europee/

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...