Esiste il sistema, e chi lo combatte

Destra, centro, sinistra, vuote etichette senza alcun significato. Esiste il sistema, e chi lo combatte

La distinzione “giacobina” tra destra, centro, sinistra lascia il tempo che trova di fronte alle sfide lanciateci dal mondialismo, sfide che coinvolgono identità e tradizione, nonché sangue, suolo, spirito. Al cospetto dei grandi pilastri identitari dell’etnonazionalismo non ha alcun senso dividersi secondo le etichette di una destra reazionaria, di un centro cristiano-cattolico e di una sinistra progressista, che sono parte integrante del sistema malato che minaccia mortalmente i più elevati valori e ideali patrii. Per l’appunto, esiste il sistema (mondialista), e chi lo combatte, chi non perde tempo con sterili ideologie che non siano animate dal sacro afflato völkisch perché opta per la verità del sangue, del suolo e dello spirito contrapposta alla barbarie postmoderna dell’Occidente a guida unipolare americana. Le etichette politiche convenzionali non combattono il sistema, perché gli sono funzionali, e si rivelano cani da guardia dello status quo, strumenti di persecuzione dei veri patrioti, dei veri identitari, dei veri tradizionalisti anti-regime. Combatte, dunque, efficacemente il mondialismo chi punta tutto sulla verità della natura, e comprende che una politica senza spina dorsale etnonazionalista si riduce a paravento dell’imperialismo statunitense, nemico mortale di ogni sacrosanta rivendicazione identitaria.

Annunci

Informazioni su Paolo Sizzi

Lombardo, Italiano, Europeo per Sangue, Suolo, Spirito.
Questa voce è stata pubblicata in Paolo Sizzi, Stati. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...