13 marzo: el Tredesin de marz

Tredesin de marz

Nella foto riportata sopra potete apprezzare la nota pietra del Tredesin de marz, situata nella chiesa milanese di Santa Maria al Paradiso, associata al culto di San Barnaba. Questa pietra forata dai caratteristici 13 raggi, in realtà, è un antichissimo simbolo solare di origine celtica, deturpato dai primitivi cristiani milanesi che vi conficcarono nel mezzo una croce, che in principio doveva ricoprire un’importante valenza in termini cultuali e astronomici. El Tredesin de marz è il ricordo del primo diffondersi del cristianesimo a Milano per opera dell’annuncio di San Barnaba, e rappresenta ancor oggi la tradizionale festa della primavera e dei fiori milanese. Chiaramente, in origine, tale ricorrenza era del tutto pagana e sgraffignata al cuore celtico di Milan. La pietra sunnominata si trovava inizialmente, con tutta probabilità, in una radura, esposta alla venerazione degli antichi Celti insubrici; San Barnaba, durante la sua predicazione, collocò nel foro centrale una croce di legno andando così a violare l’originaria valenza di questo testimone del paganesimo gallico milanese. Il tredici di marzo è dunque la festa meneghina del cambio di stagione, della primavera, dei fiori, della rinascita della flora, e proprio per questo, da tradizione, si attendeva tale giorno per tagliare i capelli ai bambini, affinché potessero ricrescere forti, sani e belli.

Oggi tale festa, venendo meno la coscienza identitaria dei Milanesi indigeni, è ben poco sentita dalla popolazione, ma rappresenta comunque una celebrazione delle origini celtiche di Milano e dell’Insubria, da riconnettersi all’avvento della primavera e, dunque, ai culti astronomici dei nostri avi indoeuropei, affatto sensibili ai richiami del legame ancestrale tra riti agresti, astronomia, sacro e natura incontaminata. La valenza della pietra forata, col suo foro centrale e i suoi tredici raggi (tredici come il tredici di marzo), potrebbe essere quella di antichissimo simbolo solare che poteva fungere da calendario, da meridiana, da mappa celeste, da strumento astronomico. Tra l’altro, la pietra del Tredesin ricorda da vicino il celebre Sole delle Alpi, un simbolo celtico e italico che rappresenta l’armonia, il ciclo stagionale, i ritmi della vita, la gioia di vivere dei popoli indoeuropei (Celti, soprattutto), la simbiosi tra uomo e natura e, naturalmente, come molti altri emblemi di tradizione ariana, il precipuo degli astri, il sole. Cosicché il tredici di marzo potrebbe anche essere la festa di tale simbolo, che non vedrei male come stemma d’Italia, accanto al Tricolore del Sangue a bande orizzontali e con l’aquila legionaria nel mezzo.

Annunci

Informazioni su Paolo Sizzi

Lombardo, Italiano, Europeo per Sangue, Suolo, Spirito.
Questa voce è stata pubblicata in Calendario Identitario, Sursum crania. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...