24 giugno: la notte di San Giovanni

Croce di San Giovanni Battista

La  notte del 24 giugno si celebra il ricordo di San Giovanni Battista, personaggio naturalmente fittizio festeggiato per occultare le celebrazioni solstiziali che vanno dal 21 al 25 giugno, caratterizzate dai grandi falò notturni all’aperto, a simboleggiare il trionfo estivo della luce diurna del sole (come da tradizione astronomica indoeuropea), che però segna anche il suo lento declino a vantaggio delle notti che si allungano. Tali ricorrenze erano (e sono) molto sentite nel Nord dell’Europa, dove il 24 giugno è anche chiamato mezza estate, a ricordare l’antica data intermedia dell’estate nordica, nonché il principio dell’estate astronomica segnato dal solstizio del 21 giugno. La festività collegata al santo cattolico si celebra, anche in Italia (a Firenze, ad esempio), nella notte tra il 23 e il 24 giugno e ricalca, logicamente, le antiche celebrazioni pagane; la Chiesa l’ha ivi collocata non solo per scalzare la ricorrenza pagana assorbendola ma anche perché tale data cade sei mesi prima del Natale, altra festa palesemente pagana distorta e pervertita dai cristiani. Come il 24 giugno simboleggia la nascita del precursore di Cristo, così il 25 dicembre simboleggia quella di quest’ultimo. I falò, le luci, i fuochi pirotecnici, le luminarie sono tutte manifestazioni che trovano giustificazione nel nostro arcaico sostrato ariano

Il santo, tra le altre cose, dà il proprio nome anche alla Croce imperiale, di origine medievale, della fazione storica ghibellina, che riprende la Blutfahne, bandiera da guerra del Sacro Romano Impero; allo stesso modo la classica Croce comunale di fazione guelfa prende il nome dal leggendario San Giorgio, una figura guerriera cara, come San Michele, ai Longobardi (ma anche il Battista era significativo nella loro devozione). Stiamo parlando di due simboli sì concepiti cristianamente (anche se il simbolo della ruota, il disco solare ariano, è una croce sovente inscritta in un cerchio, dalla valenza sacrale connessa all’astronomia e all’unione di terreno e uranico), ma che trasudano un potente significato storico che forse proprio nelle Lombardie raggiunge il suo culmine: nella Grande Lombardia, anello di congiunzione galloromanzo tra Mediterraneo e Mitteleuropa, tra romanitas italica e nordicismo germanico, le Croci medievali (e i loro significati) si incontrano e scontrano, e da questa dialettica principiata nel Medioevo vengono a formarsi la comunità etno-culturale granlombarda e il sentimento di appartenenza europeo, che proprio nel Sacro Romano Impero trova la sua concretizzazione. Alla faccia di chi oggi spaccia per Europa la sua negazione mondialista. La Croce di San Giovanni Battista è ancor oggi emblema del Piemonte e di importanti comuni granlombardi quali Pavia, Como, Novara, Lugano, Domodossola, Bormio, Fidenza, Asti, Cuneo, Mondovì, Susa, Aosta, Fidenza, Forlì, Vicenza, Treviso, Castelfranco, Ceneda. 

Informazioni su Paolo Sizzi

Lombardo, Italiano, Europeo per Sangue, Suolo, Spirito.
Questa voce è stata pubblicata in Calendario Identitario, Sursum crania. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...