6 giugno: Belisama, matrona d’Insubria

Belisama-Minerva

Il 6 giugno, a mio avviso, potrebbe benissimo essere giorno dedicato a Belisama, matrona dell’Insubria (Lombardia transpadana), il cui teonimo mostra una connessione con la radice protoindoeuropea *bel, “luminoso, brillante, splendente”. Belisama, dea celtica delle Gallie preposta alle arti correlate al fuoco e compagna del dio della luce Belenos, fu associata dai Romani a Minerva in quanto dea delle arti utili e in un certo senso della guerra giusta (e qui ricordo che il 3 giugno gli antichi Romani celebravano la dea italica della guerra Bellona). Alla dea celtica era consacrato il biancospino, e con questo (e la famosa scrofa semilanuta, uno dei simboli milanesi), secondo una leggenda, avrebbe indicato al condottiero gallo Belloveso il luogo di fondazione di Milano. Il tempio romano dedicato a Minerva, i cui resti sono stati rinvenuti sotto l’attuale Duomo meneghino, potrebbe essere sorto su un santuario dedicato proprio alla divinità gallica, e a maggior ragione lo stesso toponimo milanese, di origine celtica, analogo ad altri toponimi delle Gallie, indicava la presenza di un “santuario di mezzo” o di un “bosco sacro”. Tuttavia, la fondazione di Milano, va posta nella prima Età del ferro, in periodo di Celti golasecchiani, non nella seconda, ossia nell’epoca dei Celti lateniani, i Galli di Cesare. 

Si può optare per la data indicata, in merito alla ricorrenza, non solo per Bellona, ma anche perché nel secolo della fondazione di Mediolanum (il VI avanti era volgare, per l’appunto, non più tardi) Beltane – festa celtica primaverile/estiva dei fuochi – cadeva intorno al 6 giugno. E giugno si conferma davvero festa della luce e del fuoco, dei falò, se pensiamo al solstizio d’estate. La Milano preromana svolgeva il ruolo di santuario confederale delle varie tribù celtiche lombarde del periodo golasecchiano, tra cui Insubri, appunto, Orobi, Levi, Marici, Leponzi; gli omonimi gallici dei primi giunsero in epoca lateniana.  Altra interessante coincidenza è quella rappresentata dalla celebrazione della dea romana Carna-Cardea, alle calende di giugno o comunque in prossimità dell’antica festa celtica del fuoco di Beltane (tra maggio e giugno dunque), figura divina a cui era consacrato, proprio come per Belisama, il biancospino. Quando avete occasione di guardare la Madonnina del Domm, amici, riconoscete in essa Belisama-Minerva (l’alabarda!), non la fantomatica Giudea di Nazareth, madre del falegname galileo che ha usurpato gli antichi culti tradizionali dei padri.

Informazioni su Paolo Sizzi

Lombardo, Italiano, Europeo per Sangue, Suolo, Spirito.
Questa voce è stata pubblicata in Calendario Identitario, Sursum crania. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...