I volti dei Bergamaschi

Volevo presentarvi una rassegna di volti orobici relativi a 128 calciatori professionisti, del passato e del presente, per offrire un campione consistente circa l’aspetto fisico, nello specifico craniologico, dei Bergamaschi, ancorché sportivi e non persone comuni. Ovviamente senza alcun intento in odore di cherry picking.

Mi scuso da subito per la qualità di talune fotografie perché o vecchie e in bianco e nero oppure di bassa qualità, o ancora necessariamente ingrandite in quanto, in origine, troppo piccole. Questo passa il convento.

Per quanto ne so, i soggetti mostrati dovrebbero essere Bergamaschi indigeni ma, sicuramente, non posso garantirlo al 100%, essendo peraltro diverse decine. La stragrande maggioranza, ad ogni modo, sarà sicuramente bergamasca (o al più lombarda) per 4/4, soprattutto nel caso di coloro nati prima degli anni ’90 e ’00.

Se qualcuno avesse informazioni aggiuntive, atte a migliorare l’accuratezza del campione scelto, si faccia pure avanti. Superfluo dire che i cognomi degli individui esaminati sono assolutamente orobici o più genericamente lombardi.

Sotto allego le tavole fotografiche, ciascuna con una didascalia esplicativa sull’identità dei soggetti immortalati. I nomi, in rigoroso ordine alfabetico, vanno collegati ai volti da sinistra a destra.

Paolo Acerbis, Fabio Adobati, Davide Agazzi, Michael Agazzi, Alberto Almici

Davide Astori, Stefano Avogadri, Costanzo Barcella, Luca Belingheri, Gianpaolo Bellini

Andrea Belotti, Stefano Belussi, Dario Bergamelli, Gaudenzio Bernasconi, Rolando Bianchi

Giuseppe Biava, Marco Bolis, Valter Bonacina, Roberto Bonazzi, Fulvio Bonomi

Giuseppe Bonomi, Yuri Breviario, Alberto Brignoli, Giancarlo Cadè, Nicholas Caglioni

Mattia Caldara, Daniele Capelli, Vittorio Carioli, Sergio Carnesalini, Filippo Carobbio

Giuseppe Casari, Domenico Casati, Janis Cavagna, Carlo Ceresoli, Simone Colombi

Zaccaria Cometti, Severo Cominelli, Gianmario Consonni, Giulio Corsini, Carlo Cremaschi

Alessandro De Leidi, Marino Defendi, Ivan Del Prato, Angelo Domenghini, Mario Donadoni

Roberto Donadoni, Giacinto Facchetti, Daniele Filisetti, Giancarlo Finardi, Paolo Foglio

Giacomo Ferrari, Massimo Gotti, Mario Gritti, Matteo Gritti (’80), Matteo Gritti (’86)

Manolo Gabbiadini, Piero Gardoni, Oliviero Garlini, Ruben Garlini, Arturo Gentili

Rino Gritti, Elio Gustinetti, Andrea Lazzari, Tomas Locatelli, Stefano Lorenzi

Antonio Maggioni, Simone Magnaghi, Oscar Magoni, Claudio Mascheretti, Filippo Melegoni

Giuseppe Meraviglia, Luca Milesi, Mauro Minelli, Nadir Minotti, Adelio Moro

Leonardo Morosini, Piermario Morosini, Bortolo Mutti, Cesare Natali, Franco Nodari

Pierluigi Orlandini, Alessio Pala, Ulisse Paleni, Alberto Paloschi, Ivan Pelizzoli

Marino Perani, Antonio Percassi, Luca Percassi, Eugenio Perico, Gabriele Perico

Alfredo Pesenti, Piero Persico, Giorgio Pesenti, Massimiliano Pesenti, Oscar Piantoni

Angelo Piccioli, Pier Luigi Pizzaballa, Mirco Poloni, Luciano Poppi, Marcello Possenti

Roberto Previtali, Cristian Raimondi, Pierre Regonesi, Livio Roncoli, Battista Rota

Orlando Rozzoni, Jacopo Sala, Alessandro Salvi, Giuseppe Savoldi, Gianluigi Savoldi

Paolo Signorelli, Giuseppe Signori, Damiano Sonzogni, Emanuele Suagher (trisnonno austriaco), Marco Teani

Matteo Teoldi, Omar Torri, Aladino Valoti, Giuseppe Valsecchi, Giovanni Vavassori

Stefano Vecchi, Claudio Vertova, Marco Zanchi, Filippo Zani

Luca Zanotti, Cristian Zenoni, Damiano Zenoni, Giuseppe Zibetti

Naturalmente non intendo analizzare uno ad uno tutti questi calciatori bergamaschi, ma limitarmi a dire che, passandoli in rassegna, si può notare come essi rientrino nella gamma fenotipica orobica che, fondamentalmente, mostra un aspetto padano-alpino, ossia europeo sudoccidentale, similare ad altre aree consimili all’Italia nord-ovest come Triveneto, Toscana, Francia meridionale, penisola iberica, con alcuni influssi di tipo centro-europeo, balcanico e anche puramente mediterraneo.

I fenotipi che vanno per la maggiore nella Bergamasca sono il tipo padano del Biasutti (ossia un incrocio, stabilizzatosi nel tempo, tra elementi dinarici e atlanto-mediterranei, a volte alpinizzato), l’alpino e alpinoide, il dinaroide, l’atlanto-mediterraneo, l’atlantoide (o nordo-mediterraneo); a volte possiamo trovare anche tipi nordoidi, nordici periferici, come il norico e il sub-nordico, ma molto rari, se non rarissimi, sono i fenotipi nordici puri (in particolar modo cordati), così come i puri paleo-europidi (cromagnidi e cromagnoidi, tra cui Borreby e paleo-atlantici).

Potremmo trovare anche soggetti con un aspetto marcatamente mediterraneo, che potrebbero parere Italiani centro-meridionali o direttamente meridionali, ma anche in questo caso si parla di individui minoritari. Il tipo bergamasco, e lombardo, purosangue presenta un proprio peculiare aspetto che lo distingue dall’Europa centrale come da quella più occidentale e meridionale estrema; stando alle vecchie mappe antropologiche, il biondismo puro non è particolarmente diffuso a differenza di quello misto, l’indice cefalico è marcatamente alto (crani brachicefali), la statura moderatamente alta. Si tenga comunque presente che, rispetto ai tempi in cui operarono antropologi come Livi, Sergi e Biasutti, le condizioni igienico-sanitarie, nutrizionali e socioeconomiche sono di molto cambiate (in meglio), il che ha chiaramente inciso pure a livelli antroposcopici e antropometrici.

L’aspetto fisico è certo il più vistoso ma il significato più profondo, da un punto di vista di storia del proprio retaggio biologico, pertiene all’ambito genetico, che comunque conferma le impressioni derivanti dai fenotipi; nel caso bergamasco e cisalpino in genere il DNA autosomico smarca decisamente le nostre genti da quelle dell’Italia centro-meridionale, fatta eccezione per la Toscana e il Centro puro dell’Italia, avvicinandole all’Europa centro-occidentale, cui del resto apparteniamo in virtù della principale linea Y-DNA che è quella italo-celtica e gallica R-U152/S28. Lo stesso dicasi per la presenza schiacciante, a livello mitocondriale e dunque materno, dell’aplogruppo H1, che contraddistingue l’Europa occidentale. Ricordo, tuttavia, che all’interno dell’Italia settentrionale esiste una certa dicotomia tra Alpi (più continentali) e pianura (più neolitica) e, soprattutto, tra Italia nordoccidentale e Italia nordorientale; in quest’ultima si addensa la maggior parte dei geni indogermanici d’Italia, grazie ad una collocazione geografica che scolora nella Mitteleuropa.

La Bergamasca, come tutta l’Italia nordoccidentale, è un crocevia – anche genetico, per l’appunto – tra le aree europee suddette, grazie all’incontro tra ambito mediterraneo neolitico, balcanico calcolitico e del Bronzo, continentale in senso indoeuropeo e “nordicheggiante” (celtico/italico e, meno, germanico), ed è un peccato che la massiccia emigrazione meridionale del secondo dopoguerra abbia potuto intaccare queste peculiarità etno-antropologiche e biologiche. Non certo perché i meridionali siano da considerare “impuri”, ma semplicemente perché diversi, immersi in un contesto a loro estraneo, etnicamente stabile da millenni (le incursioni germaniche ebbero un impatto biologico alquanto modesto sulle popolazioni cisalpine medievali; tuttavia anche il dato soprattutto longobardo è degno di curiosità).

Riuscire a vedere, ancor oggi, i visi degli antichi progenitori liguri, retici, celtici, gallici, italico-romani e germanici nei nostri deve essere un motivo di vanto, di orgoglio, di sprone alla salvaguardia etno-antropologica, genetica e culturale delle genti padano-alpine, la cui sopravvivenza è stata pesantemente compromessa dalle ondate migratorie del Mezzogiorno, soprattutto nelle aree incluse nel triangolo industriale Milano-Torino-Genova.

Annunci

Informazioni su Paolo Sizzi

Lombardo, Italiano, Europeo per Sangue, Suolo, Spirito.
Questa voce è stata pubblicata in Bergamo, Etnia e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

11 risposte a I volti dei Bergamaschi

  1. Paolo Sizzi ha detto:

    Sono stato davvero onesto, signori, perché potevo dare per bergamasco 100% il portiere Achille Coser, nato a Gazzaniga (Val Seriana) ma dal cognome palesemente trentino:

    Se avete informazioni aggiuntive su qualcuno dei tizi postati, o se conoscete altri calciatori orobici, da Lega Pro in su, per ampliare la carrellata, non fate complimenti. Grazie

    Mi piace

  2. Paolo Sizzi ha detto:

    Michele Bacis

    Mi piace

  3. Carlo ha detto:

    Io non ci vedo grande differenza con i campani o i siciliani.

    Mi piace

    • Paolo Sizzi ha detto:

      La grande differenza esiste, innanzitutto, geneticamente ma poi, comunque, presso Campani e Siciliani ritornano molto fenotipi qui rari: East Med, Berid, Coarse Med, nonché influssi di tipo tauride (dinaro-armenoide) che a volte si presentano anche al Nord ma in maniera assai più contenuta rispetto al resto della Penisola. Per non parlare delle differenze in termini di pigmento e statura. Non mi sono preso la briga di raccogliere la statura di tutti questi individui per farne la media ma credo che, sicuramente, costoro siano diversi cm in più rispetto alla media centrale e regionale. Grossomodo, i dati raccolti tra ‘800 e ‘900, ci dicono molto ancor oggi.

      Mi piace

  4. Paolo Sizzi ha detto:

    Mario Ravasio

    Mi piace

  5. Paolo Sizzi ha detto:

    Michele Paris

    Mi piace

  6. Paolo Sizzi ha detto:

    Francesco Zana

    Mi piace

  7. Paolo Sizzi ha detto:

    Benvenuto Vergani

    Mi piace

  8. Pingback: I volti dei Bergamaschi – Le donne | Il Sizzi

  9. Pingback: 100 volti di Bergamaschi | Il Sizzi

  10. Pingback: Profilo etno-antropologico della Bergamasca | Il Sizzi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...