Democrazia a targhe alterne ed europeismi di cartapesta

In questi giorni, il popolo britannico ha democraticamente espresso il suo volere bocciando la presenza del Regno Unito nell’accozzaglia euro-atlantica denominata “Unione Europea”, dando un sonoro schiaffo in faccia a tutte quelle minoranze plutocratiche parassitarie che campano come zecche sulle spalle della gente comune. La maggior parte dei votanti ha optato per la cosiddetta Brexit e come prevedibile, se da una parte i patrioti europei hanno plaudito all’esito referendario dall’altra i tromboni eurofili hanno gridato allo scandalo e all’abominio.

Siamo proprio in uno di quei casi in cui il semicolto borghese, che sente di avere la verità in tasca perché pende dalle labbra di chi ha vinto l’ultimo conflitto, pur campando (a sua detta) di democrazia e libertà manifesta tutto il suo piccato sdegno da saccente contro il Popolo ancorché, democraticamente, si esprima contro qualcosa che occupa uno spazio di primo piano nel pantheon del microcosmo radical; la democrazia, per lorsignori, ha senso solo quando fa l’interesse dei ricchi, dei banchieri, dei burocrati e dei tecnocrati, delle logge borghesi animate dal perverso spirito antinazionale del mondialismo, quando insomma premia quell’odioso internazionalismo apolide che costituisce la preziosissima assicurazione sulla vita della plutocrazia.

Stiamo assistendo infatti alle iraconde sceneggiate di tutti quelli che costruiscono le proprie fortune sull’europeismo di cartapesta targato Bruxelles (che non è altro che un’appendice dell’atlantismo nordamericano anti-europeo), dallo studente della generazione Erasmus al pennivendolo itaglione medio, dai cattedratici che sputano sulla plebe perché becera e reazionaria ai politicanti in giacca e cravatta che amano servire gli interessi degli intoccabili padroni d’oltreoceano, dai masochisti che adorano farsi prendere a calci in faccia da Germania e Francia agli inguaribili antifascisti al caviale. Tutti questi tristissimi personaggi, utili idioti schiavizzati ma col sorriso sulla faccia perché il borsello è pieno, sono accomunati dall’odio classista per la gente comune, per i poveri, per le fasce più umili e svantaggiate, per contadini e operai, per gli anziani, per gli indigeni arrabbiati perennemente sbeffeggiati dai semicolti in quanto terreno fertile per populismi e “fascio-leghismi”. E credo si renda conto chiunque di come parlare oggi di fascismi in un’Europa completamente antifascista non solo sia ridicolo ma anche vantaggioso per chi mantiene lo status quo euro-atlantico, e che avverte tutta la pericolosità dei movimenti identitari e patriottici in quanto rischiano seriamente di risvegliare sopite coscienze e rompere le uova nel paniere ai vari parassiti succitati.

Stiamo assistendo alla fiera degli sputasentenze liberal-democratici e social-democratici imbizzarriti contro i “poveri ignoranti” del popolaccio bue: Saviano, Gad Lerner, Severgnini, i farseschi giornaletti di regime esterofili, i sindaci piddini, i democratici a targhe alterne, e tutto il variegato mondo unipolare che pur dicendosi dalla parte della diversità è in realtà appiattito sul grigiore borghese e conformistico del sistema-mondo. Ma guardateli, quanto sono patetici e ridicoli nel loro goffo odio per il popolo sovrano, quello stesso popolo che viene benedetto quando premia robaccia come il Pd ma che prontamente si ritrova bersagliato da anatemi salottieri quando invece si ribella alle istanze dell’Occidente cosmopolita, internazionalista, apolide, antifascista. Ce n’è per tutti i gusti, e ci sono persino i “comunisti” del 2000 dalle spiccate simpatie neomarxiste che si masturbano con l’equazione fascismo = capitalismo, senza rendersi conto (o forse sì) che c’era più socialismo nella RSI che in tutti i loro bacati cervelli da burattini manovrati dalle élite. Questi qui ci rompono l’anima ogni giorno col fantomatico ritorno del nazifascismo, ma una parola contro la vera dittatura del pensiero unico, che è quella capitalista, non la spendono mai. D’altronde, questi finti rivoluzionari ben vestiti non sono altro che una miserevole rotella dell’ingranaggio su cui si fonda il sistema plasmato dalle grinfie degli Alleati.

L’Unione Europea è un apparato burocratico e finanziocratico, senza alcuna valenza identitaria o seriamente sociale e comunitaria, voluto da pochissimi a scapito di moltissimi e ovviamente alle dipendenze dell’imperialismo americano, che la usa contro la Russia, la Cina e il Medioriente sovranista. Fa gli interessi dei potenti e degli arroganti, non certo dei più deboli e dei popoli europei, anche perché non da nazioni ma da stati è costituita, sottomessi al volere sostanzialmente dei Tedeschi (o di quel che ne rimane) e dei loro fidi cagnolini Francesi (stesso discorso, anzi, peggio ancora). Stati appiattiti sulla linea franco-tedesca e costantemente ricattati dai dispotismi bancari e usurocratici, dove l’invenzione dell’euro rappresenta la ciliegina sulla torta della standardizzazione occidentalista degli Europei imprigionati da questa fosca gabbia globalista. Uno staterello-colonia come l’italietta repubblicana attuale vieta persino ai suoi cittadini di esprimersi democraticamente sui trattati internazionali: ma che importa? Ciò che conta è continuare a demonizzare l’inesistente fantasma di ritorno dei fascismi per far guardare da un’altra parte il popolino e distogliere così l’attenzione dalle ruberie e le angherie quotidiane che provengono dal capitalismo distruttore e dal suo degno vassallo costituito dall’antifascismo al caviale.

Va da sé che per spezzare la dittatura del libero mercato e del grande capitale si debba promuovere l’etnonazionalismo e la liberazione dei popoli europei dal giogo di Eurolandia, al fine di riavvicinarci alla Russia (che è Europa) e di promuovere una confederazione “imperiale” tra tutte le vere nazioni del Continente, con sagge alleanze all’interno dello scacchiere eurasiatico. Peraltro, la totale inutilità della UE si può anche notare nell’appoggio ai vari nazi (caricaturali, si capisce; i nazionalsocialisti erano una cosa, i nazisti un’altra) dell’Europa orientale, come quelli ucraini, in funzione anti-russa, mentre qui ad occidente si fa di tutto e di più per stroncare il rinascere di sentimenti bollati come “fascistoidi”.

Nel circo europeista c’è spazio anche per il parassitismo antinazionale degli indipendentisti scozzesi che strizza l’occhiolino al Benelux pur di dar contro agli Inglesi euroscettici, e cioè di accoltellare quelli che sono fratelli essendo etno-culturalmente piuttosto omogenei (altro che Nord e Sud Italia). Ma si sa, come nella stragrande maggioranza dei casi, i separatismi siano delle misere bandierine progressiste e antifasciste nelle mani di lacchè del sistema e non abbiano nulla a che fare coi nazionalismi. Lo stesso Scottish National Party è una fazione di progressisti arrabbiati che più che all’etnia scozzese pensano a gay pride e diritti dei migranti, o femminismo.

Tutti questi esecrandi figuri nominati contribuiscono alla esiziale confusione terminologica tra l’Europa e l’Unione Europea, quando in realtà la seconda è esattamente la negazione della plurimillenaria Civiltà continentale. Ventiquattro anni di tecnocrazia nordeuropea vorrebbero soppiantare i millenni di storia, cultura, civiltà, glorie, orgogli etnici e nazionali dei vari popoli d’Europa, il tutto per fare un favore agli Stati Uniti e sottomettersi alla NATO; un panno blu stellato vorrebbe sostituire, e magari occultare, la solare identità indogermanica virile e guerriera che ha plasmato l’animo dei Caucasoidi europidi, detentori di una Civiltà senza eguali. Spiace per i piagnoni euro-atlantici e filo-americani con la puzza sotto al naso verso il rustico sentimento patriottico degli umili, ma i Britannici hanno preferito la propria comunità etnica agli artifici burocratici di chi vive grazie all’odio per le radici, con buona pace degli apolidi e meticci di Londra, moderna babilonia di cemento culla di ogni disvalore globalizzato e calamita per i viziosi di mezzo mondo.

Il Sangue viene prima degli interessi economici, il Suolo viene prima dei trattati di carta ed inchiostro, lo Spirito viene prima di certa ipocrita retorica umanitaria che non è altro che una fregatura ai danni di chi tira la carretta e porta sul groppone coloro che campano pontificando, con le altrui terga, di pace, amore, fratellanza, uguaglianza e altro ciarpame per sentimentali dalle tasche gonfie di danari.

Con buona pace di chi auspica patentini per votare secondo i dettami graditi ai Soros, l’Inghilterra ha espresso il suo deflagrante parere anti-regime e la speranza è che ora vi sia un risveglio identitario di coscienza anche in tutti gli altri popoli d’Europa. La fratellanza tra Europei è doverosa, soprattutto in tempi di mondialismo e di terrorismo imperialista israelo-americano, ma se non si capisce che l’Unione Europea con i patriottici cameratismi non ha nulla a che vedere si rischia seriamente di naufragare tutti assieme, sulla medesima bagnarola stellata alla deriva nei tempestosi mari della globalizzazione, invece di riprendersi il proprio futuro e optare per una saggia alleanza eurussa dove finalmente in cima agli interessi politici vi sia il vero benessere nazionale e sociale delle nostre patrie.

Ave Italia!

Democrazia a targhe alterne ed europeismi di cartapesta

Advertisements

Informazioni su Paolo Sizzi

Lombardo, Italiano, Europeo per Sangue, Suolo, Spirito.
Questa voce è stata pubblicata in Europa, Il Soledì e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

6 risposte a Democrazia a targhe alterne ed europeismi di cartapesta

  1. Mirko ha detto:

    Paolo, questo referendum è stato utilissimo per mostrare a tutti l’effettiva utilità della democrazia: mettere la gente l’una contro l’altra, in questo caso, vecchi contro giovani. Il voto del popolino non conta e non conterà mai nulla. Il potere è stabilmente sempre in mano ai padroni: espropriazione, rapina, prelievo forzoso, oppressione fiscale, abolizione della proprietà privata (come hanno fatto in Russia, in Cina e nel resto d’oriente, per prendersi la roba degli altri), congiunture economiche, pianificazione di fallimenti, rientro dei fidi, privatizzazioni, eccetera.

    Complice la stampa, come al solito, che diffonde menzogne impunemente.
    Ecco, queste sono le percentuali di voto effettivo sul totale di aventi diritto, divise per fasce di età

    https://scontent-fra3-1.xx.fbcdn.net/v/t1.0-9/13495022_1223995314287134_6546752750946803220_n.jpg?oh=3cd514ff48aad5cd3fda3fa0c9cff9c3&oe=57F9FA4C

    In pratica, i giovani, quelli mediamente più indottrinati, non colti, sono quelli a cui è importato di meno.

    Mi piace

    • Paolo Sizzi ha detto:

      Certo, ne stanno parlando da giorni, però è chiaro come il sole che gli europeisti medi sono i semicolti antifascisti “mentalmente aperti” che sputano sul popolaccio vecchio, rurale, retrogrado, ignorante e bla bla bla. Per non parlare dei pennivendoli che ridicolizzano il voto degli euroscettici dicendo che non sapevano quel che votavano o che lo facevano solo perché rincitrulliti dalla propaganda di Farage. La spaccatura c’è eccome ed è la stessa che pure in Italia anima i lacchè del $istema contrapponendoli ai “fasciomofobbopopulisti”. Il voto ad ogni modo è chiaro e vedremo adesso come andranno a finire le cose e se, nonostante la strombazzata democrazia, faranno qualche colpo di mano per annullare il responso popolare.

      Mi piace

      • Mirko ha detto:

        Mi sono ricordato di una preziosa pagina del Machiavelli, al capitolo 18 de “Il Principe”. Non importa quanto la gente sia già stata tante volte imbrogliata, vezzeggiata, raggirata e vilipesa, chi imbroglia, troverà sempre altri cretini disposti a farsi imbrogliare dalle sue scemenze.

        Ora devono assolutamente ricostruire in fretta e furia la fiducia, altrimenti oggi sarà ricordato come la caduta del muro di Berlino. Hanno poco tempo.
        Ora, qual è l’unico modo esistente al mondo per guadagnare in fretta la fiducia? Pagarla.
        Quindi o trovano il modo di far arrivare tantissimi soldi ad una fetta enorme di cittadini dell’U(RS)E oppure finisce la tirannia.

        Mi piace

  2. wwayne ha detto:

    Il tuo post mi ha fatto tornare in mente un film che ho visto tempo fa, e che rifletteva con grande profondità sul mondo della politica e sulle sue storture. Il film è questo: https://wwayne.wordpress.com/2014/01/08/il-fine-giustifica-i-mezzi/. L’hai visto?

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...