Per una società sana, genuina e tradizionale

La famiglia è la cellula base di ogni società sana che si rispetti. È il nucleo basilare su cui si fonda una Nazione, e la garanzia del suo benessere etno-razziale e sociale, poiché la famiglia costituisce il sale della collettività e cova in essa i germi di un futuro che si auspica sempre migliore di quanto sia il moderno presente.

Le politiche di uno stato devono saper sempre più investire sul benessere delle famiglie, mettendole al riparo da quelle che sono le contemporanee aberrazioni contro di esse e che, per quanto ammantate di untuosa retorica filantropica (?), sono delle vere e proprie offese a quella che è la normalità rappresentata dal mondo famigliare più sano e genuino.

Si capisce, le aberrazioni di cui sto parlando riguardano i nuovi surrogati famigliari e le caricature della famiglia naturale e tradizionale rappresentati dai “diritti civili”, dalle coppie di fatto, e da tutte quelle patetiche tendenze volte a sostituire la Famiglia con la “f” maiuscola con le mode d’oltreoceano nate da capricci anarco-individualistici. Uomo con uomo, donna con donna, uomo con trans, donna con trans, trans con trans, donna con animale, uomo con robot, individuo con sé stesso, individuo con defunto e via dicendo. In questa orgia di modernità deleteria chi ci rimette è poi il bambino ridotto a giocattolo per adulti immaturi ed inserito in un circuito morboso dove a contare sono i capricci dei “genitori” e non più i suoi diritti di avere un padre e una madre come la Natura comanda.

Quando dunque io parlo di famiglia non posso che intendere quel nucleo base della nostra società composto da padre, madre e possibilmente prole biologica dei due (o adottata in base a criteri europei) tenuta insieme dall’eterosessualità, dal tradizionalismo, dall’identitarismo e da quella sana normalità, libera da tutte le moderne corruzioni, di cui sentiamo sempre più la mancanza. Con la menata (passatemi il settentrionalismo ruvido) del pluralismo stanno tentando in ogni modo di introiettarci nella scatola cranica vere e proprie aberrazioni senza alcun senso, dettate dal consumismo venduto per sensibilità ai problemi sociali; ma quali problemi sociali, diamine? I veri problemi sociali riguardano la tutela delle vere famiglie, abbandonate a sé stesse e sostituite da quella farsa dei “diritti civili” che non sono che attacchi mirati a ciò che da centinaia di migliaia di anni manda avanti il pianeta Terra. E sono anche la spaventosa denatalità europea che colpisce in particolar modo l’Italia.

Si deve essere perentori su queste faccende: i capricci della modernità non possono nella maniera più assoluta oscurare quelle che sono priorità di una società sana governata da uno stato retto e incentrato sul benessere della maggioranza e di ciò che punta a migliorare la società stessa, mandandola avanti. Uno stato deve investire sulle famiglie naturali, su paternità e maternità, sui giovani, e naturalmente deve proteggere le fasce più deboli (che sono deboli per via dell’età, del sesso e della condizione fisica, ovviamente, e non perché apparentemente discriminate dagli stati “fascisti”).

L’omosessualità e le sue varie sfaccettature sembrano andare molto di moda oggidì e il sistema mondialista non perde occasione per cavalcarle al fine di demolire la collettività tradizionale e “normale” nel senso in cui indicavo sopra; io non odio chi non è eterosessuale, non sono un omofobo o un becero da osteria, poiché penso che l’omosessualità sia un disagio, una forma di sofferenza esorcizzata con le carnevalate dei gay pride e le varie forme di travestitismo e transessualismo. Recentemente sono stati fatti degli studi in cui si metterebbe in risalto una certa componente genetica dovuta ad un retaggio “agricolo” del Neolitico, quando infatti vigeva un tipo di società matriarcale raffinata, pacifica, ctonia e lunare, dedita alle arti e poco propensa alle armi. Come a dire che una società sedentaria e irenica che non deve darsi troppo da fare per cacciare e raccogliere oppure non coinvolta in attività belliche come era il caso degli Indoeuropei, diventi propensa a sviluppare forme di socializzazione alternative a quelle classiche. D’altra parte in romanesco c’è una simpatica battuta rivolta spesso al Nord Italia “barbarico” che recita: “Quanno voi stavate ancora sulle piante noi eravamo già froci”. Non credo esista un gene dell’omosessualità, piuttosto un’inclinazione dovuta all’ambiente in cui si cresce e spesso frutto di traumi infantili.

Vedete, un conto è il rispetto dell’individuo e della sua dignità che deve riguardare anche una persona che non si sente attratta dal sesso opposto al suo, ci mancherebbe, un altro è assecondare tutta quella serie di capricci (che sono solo un cavallo di Troia della sovversione nelle mani di capitalismo e consumismo) che minano la società tradizionale e la famiglia che è il suo nucleo base, e tentano di spacciare falsi bisogni per bisogni di prima necessità. La mentalità mondialista vuole creare nuovi (finti) bisogni per alimentare il mercato e il consumo asservendo l’uomo al più bieco materialismo nichilista e finendo così per snobbare ciò che di più bello e genuino abbiamo: una famiglia naturale magari innestata nel tessuto rustico della natura incontaminata, allietata da pargoli sani ed endogamici.

Tornano in mente le parole di un Putin, che incalzato sulle presunte discriminazioni contro gli omosessuali nel suo Paese, replica dicendo che nessun omosessuale è discriminato in Russia ma nessun omosessuale può pretendere che venga fatta propaganda omosessualista, una propaganda che finisce per colpire gli innocenti, i bambini, ridotti a bambolotti nelle mani delle lobby occidentaliste. L’infanzia va difesa con le unghie e con i denti e va preservata dai veleni modernisti, dove il relativismo più bestiale fagocita la Tradizione in nome di un’umanità inesistente livellata dal dio denaro, attorno a cui ruotano anche queste recenti farse circa l’omosessualità.

L’Italia è il Paese più vecchio d’Europa signori, e ha tremendamente bisogno di forze fresche indigene; l’ultima cosa di cui necessita è la propaganda omosessualista unita agli attacchi contro l’etnicità italiana ed europea, tutte cose altamente funzionali a chi vuole demolire ciò che di più prezioso abbiamo (il Sangue) pervertendo lo Spirito e riducendo il Suolo ad una discarica di cemento, asfalto e sovrappopolazione allogena.

Ave Italia!

Per una società sana, genuina e tradizionale

Annunci

Informazioni su Paolo Sizzi

Lombardo, Italiano, Europeo per Sangue, Suolo, Spirito.
Questa voce è stata pubblicata in Il Soledì, Società e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a Per una società sana, genuina e tradizionale

  1. Italico96 ha detto:

    Più passa il tempo e più mi piacciono le tue idee per una società sana e allo stesso tempo migliore.

    Mi piace

  2. Mirko ha detto:

    Lo psicologo John William Money ha detto che “l’orientamento sessuale ha sede nel cervello”, e che “la vera domanda è: quando c’è arrivato? In età prenatale, neonatale, durante l’infanzia o nella pubertà? Non lo sappiamo”»

    La stampa di regime (così la chiamo, perché altro non è) insiste però con il mantra trito e ritrito che tutti noi conosciamo: Gay si nasce, e chi solleva obbiezioni non è altro che un fascista e un omofobo (parola con ben altro significato). Questo nonostante le obbiezioni di molti psicologi, che indicano che le cause poste alla radice dell’omosessualità sono psicologiche, e non biologiche, e nonostante il mancato rilevamento di alcun gene gay. Infatti, gli ex gay, come gli ex etero, sono una realtà, che infastidisce non poco le associazioni LGBT, che li considerano dei reietti e bugiardi .

    Il giorno che ci chiameranno pedofobi o incestuofobi, non è lontano. Inutile dire che dalla Russia, il resto d’Europa ora ha solo da imparare.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...