Gli Zingari

Famiglia zingara

Famiglia zingara

Gli Zingari, o Tzigani, sono un insieme di popoli nomadi, originari dell’India settentrionale, migrati in Europa in età medievale.

La loro linea genetica paterna, H, è tipica delle popolazioni dravidiche dell’India meridionale e dello Sri Lanka, e riconduce all’origine di questi nomadi indiani, da ricercare in genti pre-ariane della Valle dell’Indo.

Nel tempo, gli Zingari delle origini hanno assorbito elementi veddidi (australoidi quindi) e anche arii, finendo per adottare una lingua indoeuropea indoaria, il romaní; da un punto di vista autosomico, infatti, gli Zingari sono abbastanza in linea con gli abitanti dell’India settentrionale, per quanto le linee paterne e materne (in questo caso il loro aplogruppo mitocondriale principale è M5, esclusivo del subcontinente indiano) siano praticamente dravidiche. Nel loro peregrinare, si sono uniti anche con donne mediorientali, balcaniche e mediterranee, assorbendo in parte linee non indiane.

Quando si trovavano in India erano sostanzialmente dei fuori casta discriminati dai conquistatori ariani, e messi in condizione dunque di emigrare verso il Medioriente e l’Europa. Gli Zingari, nonostante una mistura australoide, sono essenzialmente caucasoidi, ma come gli Ebrei hanno una storia di rimescolamenti e diaspore che li rendono particolari, parlando di studi antropologici e genetici.

“Zingari” è un termine generale che si usa per designare l’insieme di questi nomadi di origine indiana; in realtà sono diverse le etnie zingare e, parlando d’Europa, le principali sono: i Rom dell’Europa orientale, sud-orientale e dell’Italia centro-meridionale (da non confondere coi Romeni, ovviamente, che sono gli indigeni della Romania di lingua romanza e il cui etnonimo nemmeno c’entra con quello dei Rom, dato che rimanda a etnie asiatiche di lingua indoaria come i Dom); i Sinti dell’Europa centrale/centro-meridionale (tra cui il Nord Italia), chiamati Manush in Francia; i Kalé di Spagna e Portogallo ma anche Gran Bretagna e Finlandia, noti sostanzialmente come Gitani e Gypsy poiché una leggenda li voleva originari dell’Egitto; infine alcuni Romaní specifici dell’area britannica e scandinava.

Ci sono poi delle genti nomadi europee, non zingare, come ad esempio i Pavee irlandesi o gli Jenisch germanici, che non dovrebbero avere origini indiane: potrebbero essere dei semplici emarginati locali, discriminati dalle comunità di appartenenza per motivi economici e sociali.

Da un punto di vista fisico, gli Zingari non rimescolati con genti incontrate lungo i loro percorsi migratori appartengono ad un tipo scuro, di corporatura minuta, e sostanzialmente mediterranoide, dunque indide, soprattutto tra l’Indide gracile e l’Indo-Brachide, con eventuali lontane misture veddidi. Si possono incontrare nomadi romaní affetti da obesità (donne, in particolar modo), probabilmente per via di qualche disordine genetico e metabolico intercorso nei secoli di costanti migrazioni, oppure come conseguenza di adattamento al clima europeo, con migliore nutrizione e minore dispendio energetico. Nonostante questo, ricordo comunque che il fenotipo indo-brachide è caratterizzato da statura medio-bassa e corporatura tozza.

Ecco due esempi di Zingari “europei” non ibridati:

Zingaro della Serbia che mostra tipiche caratteristiche della sua etnia come capelli diritti nero corvino, occhi neri, carnagione scura e generale aspetto indide/indo-brachide

Zingaro 1

Zingaro 1

Zingaro inglese appartenente al clan dei Cooper (letteralmente “bottai”), caratterizzato da pelle marroncino-giallastra, lucenti capelli neri diritti e spessi, occhi marrone scuro, aspetto da Indide da manuale, Indide gracile dunque; sembra anche palesare una curiosa mistura neanderthaloide

Zingaro 2

Zingaro 2

Le varie etnie zingare possono presentare misture veddidi, e anche europidi, a seconda del grado di ibridazione con gli indigeni incontrati in Europa. Non a caso, soprattutto in area carpatico-balcanica e andalusa, si possono trovare individui non romaní con aplogruppo Y H, così come alcune linee paterne di questi nomadi possono presentare aplogruppi europei, indoeuropei e mediorientali, al pari delle linee materne non M5 (M è un aplogruppo mitocondriale tipico dell’Eurasia orientale, in particolar modo meridionale).

Annunci

Informazioni su Paolo Sizzi

Lombardo, Italiano, Europeo per Sangue, Suolo, Spirito.
Questa voce è stata pubblicata in Caucasoidi, Eurasia e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

7 risposte a Gli Zingari

  1. romesintiattivi ha detto:

    mi scusi lei lustre antropologo neo-nazista mi dica lei e un ariano ??

    Mi piace

  2. romesintiattivi ha detto:

    ho semplicemente un persona che vorrebbe far parte di un gruppo etnico
    ????(non adeguato a essere membro di una società civilizzata come questa di oggi che e il xxi secolo)

    Mi piace

    • Paolo Sizzi ha detto:

      Che sta dicendo? Si sente per caso urtato da quanto ho scritto? Strano, lo può ritrovare in qualsiasi enciclopedia. E non mi sembra di aver usato toni offensivi nei confronti della sua (?) gente.

      Mi piace

  3. Jeykey ha detto:

    Buongiorno, visto che vorrei approfondire le tue interessanti argomentazioni, mi potresti gentilmente indicare i testi dove ti sei documentato riguardo all’antropologia genetica ed alle vari caratteristiche fenotipiche e storiche razziali?

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...