Gli aplogruppi mitocondriali nel dettaglio

Gli aplogruppi mitocondriali europei sono 11: H, I, J, K, N1, T, U4, U5, V, X, W. Su tutti spicca H, che è la linea materna europea più comune (parlando soprattutto di H1). Daremo uno sguardo anche a U2, U3, U6 e ad altri minori non tipici ma presenti in Europa.

Gli aplogruppi europei discendono da N, predominante nell’Eurasia occidentale, e parente di M, che domina invece in India e nell’Asia orientale. Discendono entrambi da L3, e questi da L, che sarebbe l’aplogruppo della cosiddetta Eva mitocondriale. L3 è sorto in Africa orientale tra 84.000 e 104.000 anni fa, e ad esso è legata l’uscita dall’Africa degli umani moderni.

N è sorto 75.000 anni fa nell’Africa nord-orientale; N1 è il principale ramo trovato nell’Eurasia occidentale. Da N discende il macro-aplogruppo R, la linea che avrebbe generato i principali aplogruppi europei (H, V, J, T, U, K), nata 70.000 anni fa nell’Asia sud-occidentale.

L’aplogruppo H, come detto, è la linea più comune in tutta l’Europa, e ammonta al 40% della popolazione. Si può trovare anche nelle altre terre caucasoidi di Africa ed Eurasia. Le principali linee del macro-aplogruppo HV nell’Europa occidentale sono H1, H3 e V. HV è sorto 40.000 anni fa nel Vicino Oriente; H 35.000 anni fa tra esso e l’Europa meridionale, H3 10.000 anni fa nell’Europa occidentale, V 15.000 anni fa in Iberia, dove si mosse per la Scandinavia.

H1 + H3

H1 + H3

La distribuzione di H1 e H3 mostra un limpido legame con l’Europa paleolitica e mesolitica, e con l’uscita dai rifugi glaciali dell’Europa meridionale.

Aplogruppo V

Aplogruppo V

V anche, piccando in Scandinavia, area alpina occidentale, Sardegna e Spagna settentrionale.

Altri rami importanti di HV sono H13 e H2 (caucaso-anatolici), H5 e H7 (diffusi da agricoltura o anche da Indoeuropei R1b).

Ci sono poi 17 sublcadi di HV che non sono state classificate né come H né come V e sembrano suggerire un’origine mediorientale dal Neolitico in poi.

Aplogruppo HV

Aplogruppo HV

U è un lignaggio molto antico, nato 60.000 anni fa tra Africa orientale e Asia sud-occidentale. Cladi europee principali U3, U4, U5 e K che discende da U8.

U3 si lega agli Indoeuropei R1b; U4 (25.000 anni fa, Asia Centrale) è fortemente associato all’ariano R1a, ma in Europa penetrò già nel Mesolitico; U5 (50.000 anni fa, Asia occidentale) è l’U più comune in Europa occidentale e settentrionale, tipico di cacciatori-raccoglitori paleolitici e mesolitici; K (16.000 anni fa, Vicino Oriente), disceso da U8 (50.000 anni fa, Asia occidentale), sembra legarsi fortemente all’espansione neolitica dalla  Mezzaluna fertile, e non a caso alcune cladi sono tipiche degli Aschenaziti.

U2 si trova prevalentemente fuor d’Europa ma sembra essere indoeuropeo, mentre U6 è tipicamente nordafricano, berbero. Anche U come H, comunque, è tipicamente caucasoide.

Aplogruppo U3

Aplogruppo U3

Aplogruppo U4

Aplogruppo U4

Aplogruppo U5

Aplogruppo U5

Aplogruppo K

Aplogruppo K

L’aplogruppo mitocondriale J si è originato 45.000 anni fa in Medio Oriente, e la sua presenza in Europa è molto antica. J1c e J2a1 si diffusero col Neolitico dal sud-est europeo al resto del Continente. Stesso discorso per J2b1a.

Aplogruppo J

Aplogruppo J

T si presume sia sorto 30.000 anni fa parimenti in Medio Oriente e si può trovare in tutta Eurasia. T1 e T2 potrebbero essere penetrate già nel Paleolitico in Europa, ma la più parte di queste cladi è frutto di movimenti migratori agricoli e indoeuropei.

Aplogruppo T1

Aplogruppo T1

Aplogruppo T2

Aplogruppo T2

Abbiamo poi W (25.000 anni fa, in Europa nord-orientale o Asia nord-occidentale), raro ovunque, ma fortemente associato alle migrazioni ariane, l’equivalente mitocondriale di R1a e R1b insomma, basti pensare che in India è più comune presso le alte caste.

Aplogruppo W

Aplogruppo W

I (30.000 anni fa, nel Caucaso o nell’Europa nord-orientale) è altrettanto scarso come diffusione ma presente un po’ ovunque vi sia stata espansione di R1b, pertanto è come W associabile agli Indoeuropei.

Aplogruppo I

Aplogruppo I

L’aplogruppo X (30.000 anni fa, nell’Europa nord-orientale) è un altro lignaggio molto antico presente in Eurasia; si può trovare anche presso i Nativi americani, ma solo come clade X2a. La sua diffusione europea si deve a movimenti anatolico-caucasici e indoeuropei.

Aplogruppo X

Aplogruppo X

Quelli esposti sono aplogruppi mitocondriali tipici presso i Caucasoidi. Presso alcune popolazioni periferiche presenti in Europa o vicine all’Europa (e aventi misture extra-caucasoidi) vanno ricordati gli aplogruppi W e U5b degli Uralici, le infiltrazioni dell’africano L in Iberia, l’U6, X1 e M1 dei Berberi, e l’M5 degli Zingari e le già ricordate cladi ebraiche  del K (K1a1b1a e K1a9).

Annunci

Informazioni su Paolo Sizzi

Lombardo, Italiano, Europeo per Sangue, Suolo, Spirito.
Questa voce è stata pubblicata in Europa, Genetica e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...