Lombardia regia

RSI

RSI

Successore dell’ammazzato Umberto I, fu il re schiaccianoci, Sciaboletta, ossia il deforme Vittorio Emanuele III, uno dei personaggi più squallidi che lo stato italiano abbia mai concepito.

Il progresso lombardo crebbe, nonostante agli inizi del XX secolo si registrassero ondate di agitazioni contadine nella pianura (1902), e altri massicci scioperi si avessero nel 1904 e nel 1906.

In quello stesso anno nacque a Milano il sindacato CGIL, assieme ad altre industrie: la Dalmine, l’Alfa (poi Alfa Romeo) e la Pirelli.

Nel 1908 venne aperta la galleria ferroviaria del Sempione, mentre a Sesto San Giovanni furono completati i primi grandi impianti della Falck e della Breda; nel 1912 invece, a Varese, la Macchi cominciò a produrre aeroplani.

L’Italia in quegli anni faceva parte della Triplice Alleanza assieme ad Austria-Ungheria e Germania; nel 1914, in seguito all’Attentato di Sarajevo, la prima dichiarò guerra alla Serbia spalleggiata dalla seconda, all’oscuro dell’Italia: una violazione dell’alleanza.

La dichiarazione di guerra austriaca scatenò la Prima Guerra Mondiale e l’Italia, nel 1914-’15, scelse la neutralità.

Gli interventisti però cominciarono a farsi sentire, spronando ad approfittarne per attaccare l’Austria e riprendersi i territori irredenti ancora sotto il suo controllo. Si giunse così al Patto di Londra, del 26 aprile 1915, siglato tra Italia e Triplice Intesa (Regno Unito, Francia, Russia) e all’entrata in guerra del nostro Paese il 23 maggio seguente.

Il fronte italiano (1915-1918) costerà oltre 600.000 morti (nonché bombardamenti aerei austriaci su Milano e Brescia), ma condurrà alla vittoria italiana e alla dissoluzione di un impero, quello austro-ungarico, multietnico, cattolico e da tempo traballante, stravolto dai legittimi nazionalismi dei popoli oppressi da quell’elefantiaco ente senza Identità.

Come sappiamo però la vittoria italiana fu “mutilata” perché si ottennero Trentino e Alto-Adige, Venezia Giulia, Zara ma non Fiume e la Dalmazia settentrionale, promessi dal Patto di Londra. Assieme a ciò non si ottennero degne compensazioni coloniali e altri territori di strategico interesse italiano (soprattutto gli storici possedimenti adriatici della Serenissima) finirono altrove.

L’Italia fu così fregata dai borghesi occidentali e dagli Americani di Wilson.

Nel 1919, in tutta l’Italia centro-settentrionale, si scatenarono gli eventi del cosiddetto Biennio rosso, cagionati dalla crisi economica post-bellica: si registrarono in Lombardia 445 scioperi industriali e 6 agricoli, cui parteciparono rispettivamente 500.997 e 132.122 lavoratori.

Il 23 marzo di quell’anno, Benito Mussolini, già socialista interventista e direttore de “Il Popolo d’Italia”, fondò a Milano, nel palazzo degli Esercenti di piazza San Sepolcro, i Fasci italiani di combattimento, che seppero sfruttare abilmente la situazione del primo dopoguerra, così gonfia di risentimento per l’irredentismo frustrato. In esso confluirono sindacalisti, futuristi, Arditi, reduci, socialisti, rivoluzionari.

L’ideologia di questo precursore del Partito Nazionale Fascista era contraddistinta da nazionalismo, irredentismo, “terza via” anti-reazionaria ma anche anti-progressista, e compì il primo passo verso la rivoluzione fascista che caratterizzò l’Italia durante il Ventennio mussoliniano.

Mussolini però sfruttò anche il malcontento borghese e padronale in chiave anti-socialista e il 15 aprile del ’19 squadre fasciste assaltarono la sede dell'”Avanti!”; lo squadrismo venne anche impiegato per soffocare le rivolte operaie e agricole, colorandosi così di tinte reazionarie. Una situazione che durò dal 1919 al 1924.

Nel 1921, la popolazione lombarda risultava essere di 5.204.013 residenti, di cui 701.431 a Milano, 98.094 a Brescia e 62.687 a Bergamo.

Nell’agosto del 1922, a Milano, venne proclamato uno sciopero generale; squadre fasciste occuparono palazzo Marino esautorando l’amministrazione comunale socialista.

Nel 1924 venne inaugurata la Milano-Laghi, prima autostrada del mondo; seguirono la Milano-Brescia e la Milano-Torino.

Il Fascismo prese il potere nel 1922 con la Marcia su Roma, e per un ventennio ebbe in pugno l’Italia.

Fu una rivoluzione mancata sotto certi aspetti perché non liquidò né la monarchia né la Chiesa, e anzi, se le tenne buone per poter governare in santa pace; il Nazismo in Germania non ebbe certo di questi problemi.

Il Fascismo fu una continuazione autoritaria del Risorgimento, e il suo principale obiettivo fu quello di “fare gli Italiani” rendendo grande l’Italia. Una nazionalizzazione e una socializzazione del Paese che in parte riuscirono, pur scontrandosi con le solite influentissime logge di potere, dimostrando che Mussolini al di là di tutto seppe essere uno statista.

Per certi versi comunque il periodo fascista più luminoso fu proprio quello successivo alla caduta del regime nel 1943, ossia il periodo della Repubblica Sociale Italiana, cioè quando il Fascio non ebbe più in mezzo ai piedi re e papa e altre mafie, e si trovò a comandare l’Italia centro-settentrionale (con il Sud nelle mani del traditore Sciaboletta e degli Alleati).

I tromboni amano liquidare il biennio salodiano come stato-fantoccio dei Tedeschi; in realtà fu un avanzatissimo progetto di socializzazione, purtroppo ostacolata e non attuata per via degli eventi bellici.

L’onta dell’Italia furono i Savoia e i loro tirapiedi (Badoglio), non Salò e chi ci volle credere fino alla fine.

Tornando al Ventennio, nel 1935 venne aperto a Linate (Milano) l’aeroporto Forlanini; nello stesso anno venne inaugurato il Parco nazionale dello Stelvio, a cavallo tra Lombardia e Trentino-Alto Adige.

Nel 1936, Mussolini annunciò a Milano, in piazza del Duomo, l’alleanza con la Germania hitleriana, parlando di “asse Roma-Berlino”. Alleanza che nel 1939 divenne Patto d’Acciaio.

L’alleanza tra Fascismo e Nazionalsocialismo sarebbe potuta divenire la realizzazione di un’Europa diversa, né capitalista né bolscevica, dunque indipendente sia dagli Usa che dagli influssi comunisti dell’URSS, ma la guerra precipitò le cose che andarono come sappiamo.

Nel settembre 1939 la Germania invase la Polonia; inizialmente l’Italia restò neutrale ed entrò in guerra nel giugno 1940, pensando che ormai la vittoria tedesca fosse cosa fatta.

La Seconda Guerra Mondiale fu una catastrofe per il nostro Paese, impreparato com’era ad affrontarla e avendo in parte dissipato le proprie forze nell’avventura coloniale e in Ispagna; Mussolini, che come Hitler non aveva certo la stoffa del comandante militare, commise svariati errori che pagammo salatamente, aggravati dall’inettitudine degli ufficiali ma in parte riscattati dal coraggio dei nostri soldati, mandati a morire per dei capricci del Duce.

L’Italia avrebbe dovuto starsene fuori da questa guerra, nonostante con essa poté, più che altro grazie ai Tedeschi, riconquistare Nizzardo, Corsica, Dalmazia, e rafforzare il controllo sull’Albania, oltre che su altri territori non italiani.

Nel 1943, gli scioperi di marzo bloccarono molte fabbriche di Torino e Milano, evidenziando il malcontento popolare per la dura situazione economica e l’opposizione operaia al regime fascista; i bombardamenti aerei, alleati, di agosto provocarono a Milano numerose vittime e gravissime distruzioni. La Lombardia fu in quegli anni messa a ferro e fuoco dai sedicenti paladini della libertà anglo-americani, che bombardarono ripetutamente Milano, Brescia e alcune aree industriali della Bergamasca, mietendo migliaia di vittime. L’atto terroristico alleato più grave fu certamente la Strage di Gorla, Milano, dove il 20 ottobre 1944 perirono 184 bambini di una scuola elementare.

Dopo la caduta del Fascismo e la liberazione tedesca di Mussolini imprigionato sul Gran Sasso, nel settembre (23) del 1943 nacque la Repubblica Sociale Italiana, che occupò la porzione centro-settentrionale italiana. La sede di alcuni ministeri venne fissata a Salò; Mussolini risiedette nella villa Feltrinelli di Gargnano.

Il Sud della Penisola invece finì nelle mani degli Alleati e rimase in quelle di Vittorio Emanuele II, il traditore fuggito a Brindisi, mentre la situazione precipitava, per salvarsi la pellaccia assieme a Badoglio e agli altri galoppini sabaudi.

L’esperienza di Salò fu suggestiva anche perché sembrava riproporre l’antico Regno Italico medievale, concentrato nel Centro-Nord della Penisola e inquadrato nel Sacro Romano Impero, che per l’occasione assumeva le fattezze del III Reich nazista.

Il Settentrione fu anche caratterizzato dalla lotta partigiana, di varia natura non solo rossa, un fenomeno assai ingigantito e strumentalizzato che finì ovviamente per fare il gioco degli Alleati e non per riscattare un presunto orgoglio nazionale italiano; questi perse la faccia con l’8 settembre ’43 e quel che ne seguì, ribadendosi nella squallida macelleria di Piazzale Loreto.

Nel gennaio del ’44 il Comitato di Liberazione (?) Nazionale si trasformò in quello dell’Alta Italia, assumendo, in clandestinità, poteri di governo straordinario del Nord. In marzo si ebbero nuovi scioperi più accentuatamente antifascisti ed anti-tedeschi nelle fabbriche milanesi e lombarde; il 13 luglio vi fu un durissimo bombardamento aereo su Brescia; in dicembre, ultimo discorso pubblico di Mussolini al Lirico di Milano.

Il 2 marzo ’45 altro grave bombardamento aereo su Brescia. Nella terza decade di aprile, l’intera Lombardia venne “liberata”: la farsesca insurrezione di Milano, con tanto di occupazione della città da parte delle brigate partigiane (migliaia di “infazzolettati” dell’ultim’ora praticamente), iniziata la sera del 24, si concluse il 26.

Il 28 aprile Mussolini e altri esponenti del governo targato RSI (acronimo di SRI) vennero fucilati tra Giulino di Mezzegra e Dongo, nel Comasco.

Il giorno successivo i loro cadaveri (tra cui quello di una donna, la Petacci, che nulla c’entrava) vennero esposti al pubblico ludibrio della folla inferocita a Piazzale Loreto, Milano, certamente una delle pagine più desolanti del fenomeno resistenziale, cosiddetto, che immortalò impietosamente non tanto coloro che penzolavano da quel famigerato distributore di benzina, quanto quella pezzente italianità di cartapesta che regolarmente sale sul carro del vincitore.

In realtà l’Italia non venne liberata da alcunché perché col 25 aprile passò integralmente sotto il controllo americano, che la riempì di sue basi e di quelle NATO.

Il nostro Paese esiste a prescindere dal tipo di stato che dice di rappresentarlo, ma certamente i governi succedutisi dal 1861 ad oggi, salvo la parentesi fascista, sono stati (e sono ancora) troppo spesso ostaggio dei potentati stranieri.

E a parte questo, anche a livello interno la politica nazionale deve scontrarsi con le ingerenze e gli interessi di soggetti estranei che un tempo potevano essere i Savoia e che continuano la tradizione con l’onnipresente Chiesa cattolica e altre cricche nemmeno troppo occulte.

La situazione si può risolvere solo promuovendo una robusta presa di coscienza etnica e culturale dell’essere Italiani, che non è un’invenzione risorgimentale o fascista, ma la naturale Identità di tutti coloro che, autoctoni, popolano la Penisola, dal Brennero a Malta, dal Varo al Monte Nevoso.

Annunci

Informazioni su Paolo Sizzi

Lombardo, Italiano, Europeo per Sangue, Suolo, Spirito.
Questa voce è stata pubblicata in Lombardia, Storia e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...